Acquisto on-line o in negozio? Cosa preferiscono i consumatori?

21 giugno 2017 Blog

Cosa spinge la popolazione ad un acquisto fisico dei prodotti al posto di ordinarli on-line?

Le parole chiave che spingono i consumatori all’acquisto sono: esperienza e soluzione.

Questi due fattori, che appartengono solitamente al mondo del retail, hanno valore anche se applicate ai punti vendita come spiega la presidente di Marketing&Trade Daniela Ostidich.

La Shopping Map di quest’anno che, come di consueto, si è svolta attraverso migliaia di interviste a consumatori di diversi luoghi di consumo in diverse città, mostra come i metodi di consumo della società contemporanea siano variabili. (Tutti i dati della ricerca sono disponibili a questo indirizzo)

Esistono infatti sei gruppi principali di consumatori.

Shopping map

Shopping map

  • iFamily”, rappresentano il consumo intelligente senza preclusioni nei diversi prodotti e che analizzano attentamente le promesse dei brand. Sono in rapida ascesa e sono la fascia principale della popolazione col 29 per cento sul totale.
  • “OK”, per i quali la convenienza è tutto e sono attratti dalle offerte sui volantini. Composto principalmente da anziani o persone con un reddito ridotto rappresentano il 7,8 per cento della popolazione.
  • “Territoriali” che hanno un’enorme sicurezza nelle scelte d’acquisto dopo svariati anni di esperienza, i quali tengono molto alla relazione personale con i prodotti e difficilmente cambiano metodologia d’acquisto. Sono circa il 12,5 per cento.
  • “Hasta il web” sono circa il 16,5 per cento ed è composto principalmente da donne con alto reddito e che comprano prodotti esclusivamente online.
  • “Supermario” è composto soprattutto da uomini che stanno molto attenti alle marche. Rappresentano l’11,3 per cento.
  • Infine “Wow shop” cercano ispirazione nelle novità proposte dai negozi e sono il 17,8 per cento del totale.

Nonostante il grande interesse per l’e-commerce si è notato come l’acquisto di prodotti online sia inferiore a quello dell’acquisto fisico degli stessi, principalmente perchè anche i paladini dell’e-commerce non possono fare a meno dell’esperienza nei negozi reali.

Acquisto on-line

Acquisto on-line

I principali motivi di questo comportamento sono l’attrazione per l’assortimento dei prodotti e l’ambiente del punto di vendita, aiutati dal fattore umano (gentilezza dei commessi) e l’esperienza sensoriale che gioca sulle emozioni del cliente.

La tecnologia in generale svolge un ruolo significativo nel marketing, ma ci sono diversi aspetti che ora come ora precludono il coinvolgimento di massa. Ad esempio le persone più anziane ne vengono tagliate fuori, molte persone sono insofferenti verso certi tipi di pressione commerciale da parte delle aziende.

Acquisto in negozio

Acquisto in negozio

Anche il tema della privacy inizia a essere particolarmente ostico visto che non pare piacere l’idea di essere costantemente tracciati. Come possono quindi i retail sfruttare queste caratteristiche dei consumatori?

iniziassero a proporre informazioni e soluzioni per attrarre i clienti nel punto vendita, in modo da proporgli delle scelte mirate e da alimentarne le decisioni consapevoli.