Palio Recioto e Amarone

20 giugno 2017 Eventi

Il Palio del Recioto si fa in due e diventa da quest’anno Palio del Recioto e dell’Amarone. “Il Comune di Negrar intende contribuire al consolidato apprezzamento internazionale per la più pregiata eccellenza veronese, prodotto con la medesima tecnica dell’appassimento dalla quale nasce il Recioto: l’Amarone. Il Consiglio comunale ha approvato ufficialmente il nuovo regolamento del Palio negrarese per l’edizione 2016, introducendo per la prima volta l’Amarone nella principale manifestazione che connota il cuore della Valpolicella classica” ha dichiarato Camilla Coeli, assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Negrar.
Nato nel 1953 e voluto dalla lungimiranza dell’allora sindaco, Guido Ghedini, allo scopo di far conoscere i vini della Valpolicella classica e il territorio da cui vengono prodotti, il Palio è cresciuto nel corso degli anni, sentendo l’esigenza di ampliarsi e di accogliere una realtà vitivinicola, quella dell’Amarone, che nell’ultimo trentennio si è affermato in tutto il mondo.

Il Palio del Recioto e dell’Amarone si è tenuto dal 18 al 29 marzo in collaborazione con la Pro Loco di Negrar. L’apertura ufficiale con il Concerto delle Dame, venerdì 18 marzo alle ore 20.45 presso la “Tenuta Santa Maria”, meglio conosciuta come villa Mosconi Bertani di Novare (Negrar). Sabato 19 e domenica 20 marzo, due giorni di degustazioni con la Vetrina dell’Amarone sempre nella settecentesca villa. Dov’era possibile degustare i migliori Amarone della Valpolicella Classico, accompagnati da assaggi di salumi, formaggi locali e risotti.

 

 

Si fa un salto poi a ridosso delle festività pasquali, sabato 26 marzo, con il tradizionale concorso per il Recioto del Debutto 2015, l’apertura dei chioschi nelle principali vie del paese per le degustazioni dei diversi vini e dei tipici prodotti della Valpolicella, con una serie di avvenimenti culturali. Non è mancato l’appuntamento internazionale con il Gran Premio Palio del Recioto, martedì 29 marzo, al quale hanno partecipato ciclisti professionisti dall’Italia e dall’estero e che, giunto alla sua cinquantacinquesima edizione, è motivo di forte richiamo per tutti gli appassionati sportivi.